Monreale, Massimiliano Lo Biondo per protesta occupa l’ufficio Piano regolatore VIDEO

Ecco l’odissea che vivono i cittadini quando richiedono al comune una semplice certificazione di destinazione urbanistica


Monreale, 29 giugno 2018 – Massimiliano Lo Biondo stamattina ha occupato simbolicamente gli uffici comunali di via della Repubblica. La burocrazia, gli organici sempre più ridotti, impiegati inferociti dai carichi di lavoro. Ecco l’odissea che vivono i cittadini quando richiedono al comune una semplice certificazione di destinazione urbanistica. Una provocazione è stata quella dell’ex consigliere comunale, per spingere ad una riflessione complessiva: «Un comune grande come Monreale non può avere uffici destrutturati tali che per avere un certificato si attendono tempistiche lunghissime».

Massimiliano Lo Biondo, delegato da un cittadino di Grisì, ha richiesto al comune di Monreale un certificato di destinazione urbanistica da più di 20 giorni. Mercoledì Lo Biondo racconta di essersi recato, mercoledì 27 giugno, presso l’ufficio in cui avviene il ritiro del documento ma questo non era ancora pronto, così sarebbe stato rimandato al giorno successivo. Puntale al mattino si è recato nuovamente presso gli uffici di via della Repubblica. La risposta: «Il documento non è pronto». Stamattina Lo Biondo ha ritentato l’impresa. Anche in questo caso niente da fare, il certificato non era ancora firmato. «La persona che a cui serviva il certificato ha dovuto annullare l’appuntamento dal notaio – afferma Lo Biondo -. Quanti cittadini si trovano in questa condizione e rischiano danni economici per la lentezza degli uffici?».

Lo Biondo ha atteso tutta la mattina una risposta da parte dei funzionari o del dirigente. L’amministrazione non è a controparte dei cittadini – continua Lo Biondo -. Il cittadino che si reca in un ufficio deve essere rassicurato, nessuno invece si immedesima nel cittadino, c’è è un muro di gomma». Vero è che la legge concede all’amministrazione ha 30 giorni di tempo per il rilascio del certificato di destinazione urbanistica ma «se l’ufficio mi dice di tornare il giorno seguente – continua ancora Lo Biondo –, io mi aspetto che il documento sia pronto». In tarda mattinata, per la cronaca, Lo Biondo è stato persuaso a lasciare gli uffici comunali da dirigente. Il certificato, hanno promesso gli impiegati, sarà pronto solo mercoledì prossimo. «Gli uffici sono ormai diventati una controparte per i cittadini – conclude Lo Biondo -. Chi paga per ricevere un servizio pubblico, rischia di avere un danno».

Filodiretto questa mattina ha cercato di chiedere agli uffici informazioni circa le tempistiche per il rilascio di un certificato di destinazione urbanistica. Il giornalista è stato però allontanato dagli impiegati.