Monreale, scatta la tagliola sui rifiuti. Telecamere nascoste, vigili e carabinieri contro gli incivili

Questa mattina i carabinieri di Pioppo hanno operato nelle aree dei confini comunali e hanno proceduto alle prime identificazioni e alle prime contestazioni

Monreale, 19 luglio 2018 – Coloro che continuano a perseverare con il conferimento selvaggio di rifiuti indifferenziati nel territorio saranno beccati dalle telecamere nascoste disseminate nel territorio. Le immagini saranno trasmesse al comando dei vigili urbani che faranno scattare sanzioni salatissime. Già da qualche giorno gli obbiettivi di alcune telecamere nascoste hanno iniziato a scovare i primi furbetti del sacchetto. Oggi anche i carabinieri hanno iniziato alcune attività di pattugliamento delle periferie. L’amministrazione annuncia tolleranza zero contro chi si ostinerà a non rispettare l’ordinanza sulla raccolta differenziata. L’unica parola d’ordine per i cittadini è “fare la raccolta differenziata”. Spinti dalla Regione Siciliana, gli amministratori comunali hanno dovuto subito adeguarsi e attivare il servizio di raccolta differenziata, facendo rimuovere i cassonetti dalle strade.

Nei prossimi giorni, ha assicurato il sindaco Capizzi a Filodiretto, il servizio di video sorveglianza all’interno del centro urbano di Monreale, nelle frazioni e nelle periferie, sarà ulteriormente incrementato. Il problema del conferimento selvaggio sembra comunque essere più grave nelle zone di territorio poste al confine con altri comuni che, ironia della sorte, sono più virtuosi e ottengono percentuali di raccolta differenziata molto elevate. Non è raro, per il sindaco Capizzi, notare persone residenti a Montelepre, San Giuseppe Jato e San Cipirello, gettare i propri rifiuti in territorio monrealese.

Solo nella giornata di ieri le telecamere hanno registrato più di 350 episodi di conferimento selvaggio nei pressi della SP20, a Giacalone. Le immagini registrate saranno adesso vagliate dal corpo di polizia municipale.

Intanto oggi il sindaco Capizzi ha dato ordine alla ditta Mirto di ripulire la città dopo che per giorni è stata lasciata per le strade la frazione indifferenziata. “Abbiamo voluto dare un segnale molto forte alle persone incivili che non collaborano per la crescita della nostra città”. Molte di queste postazioni in cui sono stati riversati i rifiuti in questi giorni sono state monitorate dalla polizia municipale. “Da domani non ci saranno più margini di tolleranza – continua il primo cittadino – Non è possibile che dopo 8 mesi una parte di monrealesi continui a ostinarsi a non fare la differenziata, non ci sono più scusanti. Chi a Monreale centro non fa la differenziata, non vuole fare la differenziata”.

Da domani a Monreale quindi si parlerà di tagliola su chi sporca il territorio. Saranno infatti previste non solo attività sanzionatorie, spiega Capizzi, ma anche repressive. “Chi in questi giorni ha abbandonato rifiuti indifferenziati potrebbe ricevere un verbale e da domani non ci saranno più scusanti”.

Questa mattina i carabinieri di Pioppo hanno operato nelle aree dei confini comunali e hanno proceduto alle prime identificazioni e alle prime contestazioni. “Tutta gente che proviene da comuni limitrofi per scaricare i propri rifiuti”, ha continuato Capizzi.