Monrealese massacrato, parla Arcidiacono: “Violenza mai tollerata”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente una lettera inviata dal sindaco Alberto Arcidiacono sul caso di violenza registrato a Monreale.

“Basta Violenza”, lettera aperta del sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono

Vi prego basta, non respiro più”. Queste le ultime parole di Willy. Chi sia in una società come la nostra dove l’informazione viaggia ad alta velocità è noto a tutti ma voglio ricordarlo. Willy è un ragazzo di appena 21 anni che la notte tra il 5 e il 6 settembre viene massacrato di botte e ucciso. Willy è entrato nelle case di tutti noi per aver perso il suo bene più prezioso, la vita. Lui che negli ideali come l’amicizia, la giustizia, la verità e la fratellanza credeva davvero e che quando si è trattato di difendere un amico non ci ha pensato un solo attimo. Lui che non si è girato dall’altra parte fingendo di non aver visto. Lui che non è scappato dinanzi a un amico in difficoltà. Con la sua morte non ha lasciato nello sconforto soltanto la sua famiglia ma l’intera nazione e non solo. Non era solo un ragazzo, era nostro figlio, era nostro fratello, era nostro amico. Un futuro davanti spezzato da un’inaudita violenza da parte di chi ha creduto di essere onnipotente, da parte di chi afferma le proprie “ragioni” con la violenza, da parte di chi disprezza la vita umana.

Ho visto i miei concittadini rispondere dinanzi a tale sciagura, esprimere il proprio sdegno nei confronti di un’azione esecrabile, modificare la propria foto profilo con quella di Willy. Ho provato un moto d’orgoglio e la speranza che forse il sacrificio di quel povero ragazzo aveva, pur nell’atroce disgrazia, lasciato un segno nella nostra vita e dato un contributo ad una società migliore.

Era il 5 settembre. A distanza di appena 11 giorni ecco che nel mio, nel nostro Paese un altro ragazzo veniva massacrato alla fermata dell’autobus, rimasto vivo ma trasportato in ospedale, lotta ancora per la propria vita.

Le ragioni? Poco importano! La violenza non ha ragioni mai. La violenza non va tollerata. La violenza va condannata senza se e senza ma. Al mio, al nostro concittadino, auguro una guarigione quanto più rapida possibile e che i danni subiti possano non comprometterne la qualità di vita. In attesa che la Giustizia faccia il proprio corso auspico un’analisi attenta della propria coscienza da parte dei soggetti che si sono macchiati di tale violenza perché se una lezione hanno voluto dare quella che è arrivata è che la vita è un bene sacro e inalienabile, che la violenza non appartiene a questa società e che la parola rimane la più alta forma di comunicazione per difendere i propri diritti o per affermare e riconoscere i propri torti.

“Non conosco nulla al mondo che abbia più potere quanto la parola” Emily Dickinson