Scarcerato il presunto aggressore di A. C., il giudice decide per i domiciliari

Il Gip del Tribunale di Palermo ha deciso di scarcerare  D. G. A., 43 anni, ritenuto responsabile dell’aggressione nei confronti di A. C., 27 anni. Andrà ai domiciliari.

La decisione è arrivata nel primo pomeriggio di oggi, 19 settembre, dopo che il Giudice ha sciolto la riserva in seguito all’udienza di convalida. Il 43enne (avvocato difensore Piero Capizzi) dunque va agli arresti domiciliari ma resta indagato per le lesioni che avrebbe causato nel corso di un’aggressione avvenuta nel corso della serata del 15 settembre a Monreale quando erano trascorse le 21.

Il figlio dell’uomo, che avrebbe partecipato all’aggressione, è invece a piede libero ma dovrà anche lui rispondere dell’aggressione.

Intanto le condizioni di A. C. restano molto gravi. Il 27enne, residente a Giacalone, è ancora ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale Ingrassia di Palermo. I medici  si mantengono cauti sulle sue condizioni visto che ha riportato diverse fratture, ferite e denti rotti. Il giovane è ancora intubato e con molta probabilità nei prossimi giorni sarà sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Questa mattina il sindaco Alberto Arcidiacono ha voluto inoltrare alla cittadinanza una lettera aperta, denunciando il caso di violenza che ha scosso l’intera comunità.