Un cantante monrealese a Sanremo, Jo Conti sbarca a “Casa Sanremo”

Un monrealese a Sanremo. La notizia è ufficiale. Sarà Jo Conti a rappresentare Monreale sul palco del Palafiori. Il cantante sarà a Casa Sanremo, manifestazione musicale organizzata in occasione del Festival della Canzone Italiana e che vede esibirsi artisti selezionati in tutta Italia per le loro doti canore.

Così Jo, di cui abbiamo parlato pochi giorni fa, raccontando la sua travagliata storia personale, arriva sul palco della città ligure, dopo aver lanciato “Soy solo Jo? No, Soy solo yo”, il suo nuovo album. Si tratta di cinque canzoni che confessano l’intimità di un ragazzo che per la prima volta sceglie di mettere a nudo tutte le sue fragilità e la sua storia con un unico obiettivo: emozionare.

Soy Solo Yo è una veste completamente nuova che Jo Conti sceglie di indossare solo dopo essersi messo a nudo, spogliato di tutte le sue fragilità, evidenziando quelle cicatrici che rendono la sua storia unica. Un nuovo album frutto di una riflessione profonda ma anche di un intenso lavoro fatto tanto su se stesso quanto in sala prove, dove le ore di registrazione si sono moltiplicate rispetto al passato per affinare una qualità di cui lo stesso artista va orgoglioso.

Il monrealese Jo Conti confeziona così 5 brani interamente autobiografici, 5 storie che altro non sono se non uno spaccato di vita, incredibile ed emozionante. “Sono rinato – afferma il cantante siciliano pop reggaeton – in questo prodotto ho messo tutto me stesso, l’ho scritto nero su bianco, dimostrando la mia crescita personale e artistica, ma anche il coraggio nel raccontare una serie di verità che fino ad oggi avevo tenute nascoste nei più remoti angoli del mio cuore, ecco perché c’è un orgoglio maggiore nel lanciare “Soy Solo Yo”“.

L’album che è stato scritto, arrangiato e prodotto da Sorridi Music insieme a professionisti del settore della musica e della scrittura quali gli autori Marco Trogi e Manuel Restelli ed il maestro Piero Pellicanò, che ha curato gli arrangiamenti, il mixagio ed il mastering, è stato interamente tradotto in spagnolo. “È un lavoro che nasce in italiano ma ho voluto tradurlo nella lingua che mi rispecchia ancor di più della mia lingua natia, lo spagnolo, curando dettagliatamente parola per parola, a partire dal titolo affinché quel Soy Solo Yo, gridato al mondo intero, non dica altro se non che ‘Sono solo io’“.

Ricevi tutte le news
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.